Origine del Cognome

Da note di Paolo Langosco.

“La formazione del cognome non è chiara: Langosco on mapprobabilmente nell’undicesimo secolo ed all’inizio del dodicesimo in questa come in altre famiglie non esisteva un vero cognome, le persone erano identificate con un nome ed un titolo col suo predicato (es.: Ruffino conte di Langosco). Ora, poiché il titolo era appunto un titolo (sia pur ereditario), una volta perduto non era più usato, per questo Ruffino non è più titolato conte di Lomello e meno che mai conte di Pavia poiché le prerogative del conte erano passate con atto ufficiale dell’imperatore al comune di Pavia (eccezione: la permanenza in uso del titolo di conte palatino, perché questo titolo era stato riconosciuto dall’imper. come ereditario e non poteva esser perso, non essendo legato ad un predicato e quindi a dei possessi terrieri).

cropped-site-icon-1.pngInoltre poiché il titolo passava al maggiore, esso non poteva esser usato (in quanto titolo) dagli altri membri della famiglia per cui tra i figli di Ruffino (ii) il titolo di conte di Langosco, compare solo nella discendenza di Filippo e di suo figlio Riccardo, ma già nel dodicesimo secolo dovette svilupparsi l’abitudine di usare il predicato come un cognome, infatti i rami separatisi verso la fine di questo secolo conservano l’uso del predicato “Langosco” o “di Langosco” come cognome al quale aggiungono il predicato specifico del ramo (es.: Langosco di Stroppiana, Lang. della Motta, Lang. di Langosco).

D’altra parte ci dovette anche essere un periodo d’oscillazione perché troviamo un Faciotto indicato come conte di Langosco e di Stroppiana nel 1350, ma il titolo non deve necessariamente riferirsi al predicato: infatti i Lang. erano comunque tutti conti palatini e Stroppiana non era contea all’epoca, fu Emanuele Filiberto nel XVI sec. a elevarla a contea.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *